Sogno d’inverno di una goccia di rugiada

È come se qualcuno lassù in cielo avesse versato dell'oro liquido. Se sei mai stato ai margini della foresta all'alba, sai bene cosa intendiamo. Proprio nel momento in cui il sole manda i suoi raggi attraverso gli alberi, avviene qualcosa di magico. Alcuni quassù in Val di Valles dicono che in questo breve momento il bosco potrebbe parlare, i ciottoli del ruscello iniziano a cantare e ogni singola goccia di rugiada prende vita. E infatti! Laggiù, proprio accanto al tuo alluce sinistro, sulla foglia di pratolina, qualcosa si sta muovendo! Avvicinati! Forse la gocciolina di rugiada ha qualcosa da raccontarti.

 

Un racconto di Natale dal Valsegg

“Ciao, essere umano! È un piacere conoscerti. Mi chiamo Goccia di rugiada, sono una creatura d’acqua e oggi devi sapere che sono piuttosto triste. Ieri notte la signora Volpe ha di nuovo raccontato dell’inverno. Diceva che in inverno tutto il verde del bosco e i colori dei prati lasceranno il posto a un bianco scintillante. E che le gocce di rugiada e di acqua verranno come trasformate: indosseremo un abito meraviglioso, fluttueremmo come stelle dal firmamento e avvolgeremmo il bosco e il prato, le persone e gli animali in una spessa e morbida coperta".


Quando le gocce di rugiada versano una lacrima, è difficile accorgersene. Perché come una goccia di rugiada, anche le sue lacrime sono fatte d’acqua. Ma credimi, essere umano, la gocciolina là sotto sulla foglia di pratolina piangeva amaramente. Mai, mai prima di quel momento nella sua vita di goccia di rugiada le era stato permesso di trasformarsi in un fiocco di neve e imbiancare l'inverno insieme a migliaia di altre gocce di rugiada. Vieni, prendila delicatamente sulla punta di un dito e portala per un po'. Il rio di Valles non è lontano. Solo qualche passo. E ora: lasciala libera la tua goccia di rugiada, falla partire per un grande viaggio. Vedi? È già diventata tutt’uno con il torrente e vortica, mulina e spumeggia. E chissà. Forse, quando tornerai, vi rincontrerete.


Nel periodo tra le scintillanti giornate estive e le prime avvisaglie di autunno, la tua goccia di rugiada viaggia per il mondo. Il rio di Valles diventa il Rienza, il Rienza diventa l’Isarco e l’Isarco l’Adige. E l’Adige, certamente lo saprai, sfocia nel mare. E ciò che la nostra goccia di rugiada ha visto e provato in quei luoghi è un’altra storia, da raccontare in un’altra occasione. Presto venne il momento di salire in cielo e, in forma di nuvola, viaggiare con il vento nei luoghi più lontani, intorno al mondo.


È arrivato Natale, qui al Valsegg. Si sente già il profumo della neve. Se solo tu fossi qui adesso e potessi allungare la mano nella limpida e fredda aria invernale! Allora, morbido e leggero, un piccolo fiocco di neve atterrerebbe sulla tua pelle, bellissimo e magico. E tu sapresti che quella è la tua gocciolina di rugiada che ha osato sognare. Farai anche tu lo stesso?

La nostra
voce

I grandi miracoli si palesano nelle piccole cose. Ci piace fermarci e guardare da vicino. Il mondo intorno ai nostri chalet, in Alto Adige, è pieno di storie meravigliose. E siamo felici di condividerle con voi.

I sussurri
degli ospiti

Onesti. Senza fronzoli. Solo esperienze reali. Qui potrete leggere cosa dicono di noi gli ospiti del Valsegg.

Posti liberi & buoni
Il Suo browser non è supportato.

Scarica ora gratuitamente uno dei seguenti browser aggiornati ed efficienti: